Report apistici

Report Apistico Ottobre 2020

Colonia d'api stretta su un numero di favi adeguato e opportunamente nutrita con candito (foto D. Annoscia).

Il mese di ottobre è stato caratterizzato da clima variabile, con giornate soleggiate alternate a piogge prolungate; le temperature sono state comunque miti e hanno favorito il protrarsi dell’allevamento di covata, soprattutto nelle colonie d’api condotte in pianura.

In questo periodo, le api possono ancora sfruttare le fioriture di alcune specie erbacee nettarifere e pollinifere, fra cui si ricordano l’aster (ad esempio la specie Symphyotrichum lanceolatum), da cui le api raccolgono nettare e…

Approfondisci

Report apistico Aprile 2020

Meteo e flora apistica

Le condizioni meteorologiche favorevoli, riscontrate nelle ultime settimane in regione, hanno consentito la fioritura di diverse specie di interesse apistico e facilitato lo sviluppo delle colonie d’api. Tuttavia, la scarsa piovosità dell’ultimo bimestre, ha penalizzato la fioritura del tarassaco (Taraxacum officinale), che è stata limitata e più breve del consueto, condizionando anche la quantità di nettare fornito da questa specie erbacea. Attualmente, questa fioritura…

Approfondisci

Report apistico Gennaio 2020

Ape intenta a bottinare su amento di nocciolo. Foto di M. D'Agaro

Novità

Egregio Apicoltore,

negli ultimi anni, in Friuli Venezia Giulia, si è assistito a un graduale cambiamento del paesaggio, con possibili ripercussioni sulle colonie d’api, non sempre facili da accertare e quantificare.

Il Laboratorio Apistico Reginale, dunque, chiede la Sua collaborazione per rispondere alle seguenti domande di carattere generale:

  1. La qualità del territorio può influenzare il benessere e la sopravvivenza delle colonie che lo abitano?
  2. Se sì, in che misura?
  3. Quali sono…
Approfondisci

Report apistico Settembre 2019

Tecnica apistica

Le temperature miti della prima metà di settembre hanno consentito alle api di sfruttare le fioriture di topinambur (Helianthus tuberosus), da cui ricavano prevalentemente polline, e di edera (Hedera helix), una pianta nettarifera e pollinifera presente sui muri, lungo le recinzioni e sui fusti di alberi nelle siepi e nei boschetti; nei giardini urbani le api hanno bottinato su alcune piante ornamentali, quale il lillà delle Indie (Lagerstroemia indica).

Nella maggior parte…

Approfondisci

Report apistico Luglio 2019

Considerazioni sulla stagione apistica

La stagione apistica 2019 è stata alquanto tribolata, sia dal punto di vista delle produzioni di miele sia per quel che riguarda la gestione delle colonie d’api.

Da fine aprile e per tutto il mese di maggio, infatti, su tutta la regione, si è assistito a un drastico calo delle temperature, accompagnato da piogge abbondanti e quasi incessanti. Tale condizione ha compromesso il principale raccolto dell’anno, quello di acacia (Robinia pseudoacacia), pianta…

Approfondisci

Report apistico Maggio 2019

Meteo e flora apistica

Da fine aprile e per tutto il mese di maggio, su tutta la regione, si è assistito a un drastico calo delle temperature, accompagnato da piogge abbondanti e quasi incessanti.

 

Tale condizione ha compromesso il principale raccolto della stagione, quello di acacia (Robinia pseudoacacia), da cui le api ricavano principalmente nettare; analogamente, anche il raccolto di amorfa (Amorpha fruticosa), da cu le api raccolgono nettare e polline, è stato limitato.

Tale situazione…

Approfondisci